Passa ai contenuti principali

Lady Chatterley si da le arie

Avete letto "L'amante di Lady Chatterley"?
No?
Io si, allora ve lo racconto!

Dunque, nell'epoca del perbenismo e dell'eleganza molto "english style" c'era questa tizia, Lady Chatterley (che ora per comodità e velocità chiamerò Lady C.) che era sposata con un uomo piuttosto ricco e nobile, ma molto malato e dunque incapace o - povero lui - impossibilitato di soddisfarla a letto.
La signora del castello, quindi, era perennemente in modalità "anima in pena", eh già perché dicono che

la peggiore delle perversioni sessuali è la castità

e posso capire che se in un periodo di grande (finto) puritanismo ti toccava sposarti - dato che eri irrimediabilmente donna e quindi "animale da matrimonio e procreazione" - magari con uno che nemmeno ti piaceva, l'unica speranza poteva essere che almeno fosse bravo a letto...ma per la povera Lady C. ...nemmeno quello!



Un pomeriggio nuvoloso Lady C., nel tentativo di non fracassarsi i maroni davanti al caminetto a spartire in due i pidocchi del cane, esce per andare a fare una passeggiata nella tenuta - molto ricca di fratte - del marito. Ad un certo punto, manco a dirlo, inizia a piovere e, nel tentativo di ripararsi, la cristiana viene soccorsa dal guardiacaccia della tenuta, pure lui fradicio e senza ombrello...ma non del tutto sconosciuto alla signora che aveva occhio lungo!

Il guardiacaccia, per aiutare la moglie del suo datore di lavoro, un pò per lecchinaggio e un pò perché magari la tizia - scomposta sotto l'acqua battente - gli faceva pena, la porta nella sua baita ad asciugarsi.
Ovviamente, la povera e frustrata Lady C. che non vedeva un uccello da (forse) prima del matrimonio, appena il guardiacaccia la sfiora, se ne viene davanti a lui in diretta.
Dal canto suo, il povero disperato guardiacaccia, che non vedeva una femmina da quando il marito della signora lo aveva assunto (che non si fa per uno stipendio!!!!) a lavorare in quella fratta, si è ritrovato con un uccello ululante tra le gambe...
...e lì è successo il fattaccio!!!



In realtà, in altri tempi, lei quel tipo di uomo lì non lo avrebbe nemmeno guardato, anche perché - siamo onesti - se tu sai che devi fare il guardiacaccia, non sprechi soldi in profumi, né ti dedichi particolarmente alla tua igiene, tanto più che l'olfatto, dei 5 sensi, è quello che si abitua prima alle puzze...quindi possiamo presumere che il cristiano non sentisse neanche più i suoi olezzi!
Lei, invece, delicatina e snob, si è trovata in una situazione un pò ambigua: se se ne andava per fatti suoi rischiava di rinunciare ad una succosa botta di sesso, se invece decideva di starci...doveva accontentarsi dell'omaccione nerboruto, non tanto bello, non tanto curato...ma tutto maschio e molto promettente.





Che avreste fatto voi?
Lady C. ha deciso di accontentarsi!
E infondo la capisco...anche perché comunque lui la toccava e la guardava come fosse una reliquia e dunque, la signora, che presumibilmente aveva la sindrome della principessa bistrattata, era pure contenta di questa "adorazione".



Quindi, dopo le evoluzioni da accoppiamento selvaggio, Lady C., in preda all'allegria strabordante di chi non godeva da una vita, esce dalla baita e si mette a correre nuda sotto l'acqua - a rischio polmonite! Poi, recuperata dal dipendente di suo marito, che non disdegna una strusciata "esotica" pure sotto il temporale, rientra nella capanna e quando il guardiacaccia, contento pure lui, le dice che è bagnata ovunque, anche sul monte di Venere, quella si eccita da capo...e i due ricominciano con l'accoppiamento selvaggio, tra i fiori che la signora, nel frattempo, aveva raccolto e si andava poggiando su tutto il corpo.



Tutto il libro, fondamentalmente, si svolge così...questa relazione va avanti tra incontri più o meno clandestini, un pò ovunque, vesti lunghe tirate su consenzientemente, turbe mentali dei due, che ogni tanto si fanno uno scrupolo, e con buona pace del marito che, anche senza spiarli, sa quello che fa la moglie, ma infondo è contento...perché meglio col suo dipendente che con un estraneo...tanto era solo questione di tempo!!!!

Insomma, per tirare due somme..."L'amante di Lady Chatterley" ai suoi tempi ha fatto furore e scalpore, ma rispetto alle varie "sfumature" di Christian Grey e ad altre saghe altrettanto "colorite", direi che quello di Lady C. e del guardiacaccia è stato un eros molto soft...anche se infondo, anche nel suo piccolo...

Lady C. si dava parecchie arie!

P.S. Grazie Frank per l'ispirazione! ;) 

Post popolari in questo blog

Il galateo del pompino...qualche regola in più!

...no, amici miei! Stavolta non potevo evitare di dire la mia! Dunque...partiamo dalle basi: ho trovato per caso questo fantastico post...davvero simpatico e soprattutto veritiero...
Galateo del pompino: ovvero 10 regole per viverlo al meglio
L'ho letto attentamente e, oltre a condividere quanto scritto dall'autore, io - teorica e sostenitrice della figura multifunzionale del "Trombamico" - avrei qualche regola da aggiungere.
PER LUI
#11  SIATE PROFUMATI!!! NON E' VERO CHE L'UOMO PER ESSERE UOMO DEVE PUZZARE! L'uomo che puzza è un animale!!! Allora, miei cari, PER FAVORE...VI PREGHIAMO..., se avete sentore di una notte brava o di essere nelle grazie della vostra lei...rivolgete un'attenzione in più all'igiene! Vi garantisco che accostarci ad un uomo che LAGGIU' puzza come un pesce andato a male...è la cosa peggiore che ci possa capitare!!! E quando ci disgusta "quello lì"...automaticamente cambia anche la nostra considerazione della pe…

Donne che parlano e uomini che non sanno interpretare!

Mi viene detto di non saper ascoltare! Mi viene chiesto di ascoltare e non interpretare...ma non mi riesce di farlo! E mi viene ripetuto che questo è un "difetto" di noi donne. ...per gli uomini non è così! Sarà vero???

A quanto ho capito, parlando con il mio personale Christian Grey, gli uomini seguono questo schema comunicativo:
- dicono A - perché stanno pensando A - e perché vogliono comunicare A
...e quando noi donne parliamo con loro, le nostre parole vengono automaticamente ascoltate con lo stesso criterio. Per loro, molto semplicisticamente, se diciamo qualcosa vuol dire che intendiamo quello e non altro...e stiamo cercando di comunicarla.
...non è così! Questa linearità non è da donne...
E aggiungerei...magari fosse!!!

Noi donne, normalmente (e sarei felice di conoscere anche una sola donna che non sia così!), seguiamo questa logica "alternativa":
- pensiamo A - diciamo Z - ci aspettiamo che gli uomini che ci ascoltano interpretino quella Z e capiscano che …

Operazione "oca giuliva"

Ho deciso di fare l’oca giuliva!!!


Manca poco al mio compleanno se non erro.  In questo lasso di tempo, in vista per i festeggiamenti dei miei..35, potrei mettermi a dieta, risparmiare per farmi un bel regalo, farmi prendere dall’ansia di organizzare la mia festa…invece no! Ho deciso di partire con l’operazione “Oca Giuliva”.
In che consiste quest’operazione? Bhe…per i prossimi 56 giorni mi limiterò a pensare, comportarmi e sentirmi semplicemente “oca-femmina”. Quindi…cervello in standby (meriterà un pò di ferie pure lui, no???), push up alla mano, sorrisetti stupidi, lagne e capricci, lacrima facile, aria indifesa e vocetta suadente…voglio fare l’oca giuliva e non preoccuparmi più di darmi un tono, di dimostrare spessore, di ricevere considerazione e stima, di “fare” la donna tutta d’un pezzo….
Voglio fare l’OCA GIULIVA!!!!
Voglio riposarmi…sono stufa di pensare perché tanto a quanto vedo….pensare tanto a questo mondo, quando hai una vagina tra le gambe, è solo un problema!!!

La donna …